Betty&Books

Un approccio alla sessualità libero e consapevole.

La ballata di Gregor, lo scarafaggio

Dedicata all’esoscheletro che è dentro ad ognuno di noi…

 

 

“Stilla di buio su zampe veloci,

tremule antenne che ascoltano voci,

 

 

vivo tra scarti e putrido olezzo

l’anima,sono che porta il ribrezzo.

 

 

Fuggo vigliacco dal cielo e dal sole,

figlio sbagliato d’un tragico amore

 

che mi condanna a chieder perdono

per essere solo ciò che io sono.

 

Dai tuoi veleni rinasco più forte,

sto negli anfratti dell’umida morte,

 

 

sono il reietto ed il frutto avariato,

gemma che sboccia dal ventre inquinato.

 

 

Vergogna e rifiuto del seme paterno,

dove chiesi amore, trovai l’inferno.

 

A testa bassa seguii la mia sorte,

dov’ ebbi la vita, trovai la morte.”….

 

 

 

 

 

 

Povero Gregor,,aborto partorito,

sepolto sarai in lurida poltiglia,

vittima inerme di quel falso mito

d ingiustizia intriso che è la famiglia

 

 

 

90