Betty&Books

Quando il vibratore scompiglia l’ordine patriarcale

A supporto dell’educazione sessuale apre tabooteca.

A Bologna una teca per sfatare i tabù. Il Centro di documentazione delle donne mette a disposizione una serie di giochi in scatola e strumenti didattici sull’educazione alla sessualità.

Occuparsi di educazione sessuale non è semplice, non solo mancano risorse e spazi adeguati, ma anche gli strumenti con cui condurre laboratori e attività educative.

Giochi in scatola, progetti editoriali e modelli anatomici non sempre hanno canali di distribuzione in Italia, e sono molto costosi. Per questo è nata Tabooteca un servizio di prestito che mette a disposizione gratuitamente un catalogo di giochi da tavolo e modelli anatomici. Spoiler alert: gli oggetti in prestito sono “solo” una decina, perché pochi sono gli oggetti in commercio, e questo è già un dato su cui riflettere.

Vai al sito Tabooteca

 

 


 

Al prestito è stato affiancato un questionario rivolto a chi si occupa di educazione sessuale in Italia. Formatrici, attiviste, divulgatrici 200. (che il 2.0 è passato da decenni), assistenti socio-sanitarie: le domande sono rivolte proprio a voi per raccogliere informazioni sulle vostre attività, i bisogni e gli strumenti che utilizzate.

Questionario

 


 

Betty&Books è parte del comitato scientifico che ha affiancato l’avviamento di questa nuova attività, ed è per questo che alcuni giochi vi saranno familiari, come sexesploration  ideato dall’illustratrice Claire Vimont. Nel comitato vi sono inoltre amiche di vecchia data: Giulia Selmi – progetto Alice e Nicoletta Landi – Antropologa, si occupa di sessualità, educazione, genere, adolescenza e promozione della salute sessuale

Se avete proposte, prototipi da presentare scrivete a Orlando l’associazione promotrice di questa iniziativa.

 


 

p.s.

per le amiche che seguono Betty!! Chi segue Betty&Books si sarà accorta che sono due anni che il sito non viene aggiornato e che i social non brillano di cronache d’assalto. Ma si continua a far del bene. Come con questo progetto.

279