Betty&Books

Un approccio alla sessualità libero e consapevole.

The Porn Conversations

Quando ho scoperto l’esistenza di The Porn Conversations, progetto ideato e realizzato da Erika Lust produttrice di porno “etico”, mi sono  chiesta cosa sarebbe successo se a idearlo fosse stata una lavoratrice del sesso qui in Italia.

The Porn Conversations offre strumenti per genitori ed educatori da utilizzare per affrontare il discorso sulla pornografia. La mission è offrire agli adulti l’opportunità di aiutare i bambini e gli adolescenti a prendere decisioni informate in merito alla pornografia, a discernere il vero dal falso.

Erika Lust è un‘imprenditrice, sposata, bianca e con una precisa etica del lavoro, è svedese, ma risiede in Spagna con la sua famiglia. Un profilo professionale distante da quello dell’ambiguo Schicchi, a cui ancora oggi si pensa quando in Italia si parla di produzione pornografica. E dire che l’industria del porno, dei giochi e dell’intrattenimento per adulti si è evoluta, ha ampliato il target e la strategia di marketing. La produzione di immaginari mainstream è women oriented. Pensate alla pubblicità di porno hub. Ai brand di moda che strizzano l’occhio al bondage. O alla miriade di sexshop online targetizzati su una clientela “femminile”. Ma malgrado i grandi cambiamenti in atto, lo stereotipo del deviato, o della tentatrice, ha generato un forte stigma sociale sui lavoratori e le lavoratrici dell’industria del sesso che difficilmente si potrà cancellare.

 


Leggi anche: Sexshop Boikot 


Non è un caso che qui in Italia, a differenza del contesto europeo, il mondo formativo ed educativo, così come quello del sociale, non  collabori con quello delle lavoratrici e dei lavoratori del vasto mondo del sesso. Mentre in Spagna Nacho Vidal si è messo a servizio di Chrysallis, un’associazione che difende i diritti dei e delle minori transessuali (impensabile da noi) in Italia il suo collega Rocco Siffredi è testimonial/macchietta per uno spot commerciale di una nota marca di “patatine”.

Nei percorsi educativi e formativi sulla sessualità rivolti a preadolescenti e adolescenti, si può – seppur con difficoltà a causa dell’ingerenza cattolica e politica “no Gender” – affrontare il tema del bullismo e dell’omofobia invitando nelle scuole associazioni glbt o parlare di contraccezione con una ginecologa, ma guai mai a toccare il tasto della sessualità con chi lavora sull’aspetto piacevole del sesso.

Una scelta miope. La conquista di spazi per confrontarsi su pratiche sessuali e safer sex,  la riflessione politica che ha segnato il confine fra consenso e costrizione, lavoro e sfruttamento, la si deve al coraggio di chi si è esposta pubblicamente malgrado lo stigma sociale e politico. 

Negli anni ’90 negli Stati Uniti una parte del movimento femminista ricorse addirittura a strumenti legislativi censori – il famoso processo alla pornografia rea di essere “la radice stessa della discriminazione e della violenza – alleandosi con alcune frange cattoliche. Il dibattito sul porno scatenò accese discussioni (ancora oggi le valutazioni sono differenti) tra proibizioniste e antiproibizioniste. Fino a quando non hanno preso parola le dirette interessate, le e i sexworkers. Penso a Ovidie, attrice e regista francese, con il libro/porno manifesto, alla produzione di porno femminista, ai sindacati delle prostitute, alle porno attiviste, ai gruppi queer e collettivi lesbici separatisti che hanno aperto sex-shop accoglienti per le donne.


Leggi anche Sextoys per donne: una lettura femminista


La provocazione di Ilona Staller in Parlamento con i suoi “cicciolini” e il Partito dell’amore, di cui Moana Pozzi era leader, si è spenta da tempo, ma ebbe il merito di portare alla ribalta temi considerati tabù in quegli anni come la battaglia contro la censura e la libertà sessuale delle persone detenute.

Foto di Mauro Biuzz

 

Dagli anni ‘90 sono passati trent’anni e molte cose anche qui in Italia sono cambiate a parte il sistema educativo sulla sessualità. L’assenza di strumenti utili per affrontare i cambiamenti del corpo e dei desideri è imbarazzante. l’educazione sessuale, malgrado svariati tentativi, non è ancora obbligatoria nelle nostre scuole.


Leggi anche: Uno sguardo su giovani e porno


Bambini e adolescenti si rivolgono al mondo del porno per soddisfare le loro curiosità sul sesso. Se avete figli chiedetegli se conoscono Sasha Grey. Siti porno in stile YouTube e altre risorse che permettono di visionare video a luci rosse gratuite sono a portata di click per tutti. Per questo è necessario fornire strumenti educativi per i genitori mettendoli in condizioni di poter parlare di porno in famiglia, perché anche in presenza di un buon impianto educativo il porno è inevitabile, occorre mostrare loro che il sesso è molto più complesso di quello che vedono online.

The Porn convertations opera in  un’ottica di riduzione del danno:

È fondamentale quando parli con i tuoi figli del sesso e del porno incoraggiare la comprensione piuttosto che dirgli di non guardarlo – perché se lo fai, non ti parleranno mai di questo.

La piattaforma ideata da Erika Lust e il marito Pablo Doblar (si presentano come una famiglia ed è la famiglia il contesto a cui si riferiscono)  al momento non fornisce contenuti originali, ma solo un aggregatore di materiale già esistente. Manca una categorizzazione per genere e orientamento sessuale, mentre è ben visibile quella per fasce di età. Lo ritengo allo stato attuale un ottimo punto di riferimento, un progetto coraggioso  considerato che chi lo propone produce porno.

Io mi sono iscritta alla newsletter per ricevere le news ed eventuali materiali che saranno forniti successivamente.

Finalmente si affronta il tema del porno con chi il porno lo fa e con chi lo guarda (sì, anche i ragazzini).